Gilles Berquet: bondage, feticismo e fantasie bizzare

Tra tutte le immagini pubblicate sino ad ora, quelle di questo post sono probabilmente le più audaci. Se si parla di Gilles Berquet la trasgressione la fa da padrone, sempre.
Ma chi è costui? Anteriormente ho già pubblicato un suo video, It will Be Allright, ma senza dire una sola parola sul suo conto.

Gilles Berquet è un fotografo francese che duranti gli anni ’90 si fa notare per le sue immagini dalla forte carica sessuale, tutte rigorosamente in bianco e nero. Ancora una volta il corpo femminile è il soggetto protagonista, ma ciò che rende le sue immagini differenti sono le pose teatrali che assumono le sue modelle. E poi c’è tanto bondage, qualche pizzico di feticismo, perversioni varie e voglia di turbare, almeno un po’, l’osservatore.

Con il passare degli anni arriva anche il colore, ma i toni rimangono cupi e spenti. Inoltre, le ambientazioni delle foto si espandono in nuovi spazi: boschi, foreste, zone industriali e paesaggi postmoderni, il tutto compattato in composizioni eleganti, sensuali e, ovviamente, con donne nude che sbucano qua e là.

La produzione artistica di Gilles Berquet include, inoltre, alcuni short-movies. Sono pochi e brevi, quindi se avete tempo, date un’occhiata.